Crea sito

Archive for febbraio 11, 2012

Contro la calvizie? Uno shampoo per cavalli.

11 FEBBRAIO 2012

In Spagna impazza una nuova moda che sembra non risparmiare nessuno: lavare i capelli con uno shampoo per cavalli per combattere la calvizie.

Del resto avete mai visto un cavallo spelacchiato o senza una rigogliosa criniera?  Deve essere stato questo il pensiero che ha fatto scoppiare la nuova mania tutta spagnola per il famosissimo “Champù de caballo”. Il passaggio dalle stalle alle docce è avvenuto in un attimo: la «febbre dello shampoo per cavalli» ha colpito tutti, perfino il quotidiano El Mundo gli ha dedicato un intero servizio.

Fino allo scorso novembre lo shampoo equino poteva essere acquistato solo con la prescrizione di un veterinario e, quindi, molti uomini spagnoli lo comperavano e utilizzavano clandestinamente. Ora, invece, anche la legge è dalla parte dello “Champù de caballo” perché è stata formulata una sua versione per uso umano disponibile nei migliori supermercati.

Possiamo quindi dire addio alla calvizie grazie allo shampoo per cavalli? Sembra di sì visto l’entusiasmo degli uomini spagnoli, non ci resta che aspettare.

http://notizie.delmondo.info/

La figlia si lamenta su Facebook. E lui spara al pc

Ragazzina di 15 anni si sfoga in Rete. Il padre furioso gira un filmato che fa il boom sul web

MILANO – Psicopatico o eroe? Questa è la domanda che si pongono i milioni di utenti che hanno visto su YouTube il video di Tommy Jordan, il «papà frustrato» della Carolina del Nord. Con il suo metodo educativo decisamente discutibile è diventato un fenomeno in Rete. Cosa ha combinato? Per punire la figlia ribelle ha distrutto il computer di lei a colpi di arma da fuoco.

LA LEZIONE DI PAPÀ – Punizioni (controverse) ai tempi di Facebook: il filmato di 8 minuti (pubblicato mercoledì scorso), ha totalizzato finora quasi 10 milioni di visualizzazioni. Come mai tanto interesse? Andiamo con ordine. Tommy Jordan, capello da cowboy, jeans e sigaretta in mano, si fa riprendere mentre legge un videomessaggio rivolto alla figlia. Visibilmente innervosito, è seduto su una sedia in mezzo alla campagna con in mano un foglio di carta. È il lungo post che la figlia quindicenne ha pubblicato sulla sua bacheca di Facebook. Guidata dal più classico dei tormenti adolescenziali, la ragazzina si lamenta in Rete delle «troppe faccende di casa» costretta a sbrigare ogni giorno; dei genitori che, in realtà, la dovrebbero «pagare per quei lavori». Protesta perché dopo la scuola deve lavare i piatti, stirare, tenere in ordine la casa. Inoltre, rimprovera ai genitori l’essere severi e «schiavisti».

IL VIDEO-MESSAGGIO – «Sei matta? Vorresti avere tutto: laptop, iPod, cellulare, ma ovviamente non vuoi lavorare per guadagnarti queste cose», esordisce il papà nella clip. E prosegue: «La tua vita non è così difficile, ma guarda adesso». E qui, (è la parte finale del filmato) c’è la scena clou. L’uomo rivolge la telecamerina su un computer che si trova a terra. Aggiunge: «Questo è il tuo portatile, questa è la mia calibro 45». E poi comincia a sparare. Nove colpiti in tutto (uno dei quali «da parte della madre»). E l’ultima puntualizzazione: «Sscrive tale Jim Freedom. «Spero ti farai aiutare al più presto da qualcuno per controllare la tua rabbia, prima che tu cominci a puntare la pistola verso qualcuno – tua figlia, per esempio».

FENOMENO – Ovviampero ti sia piaciuto». Con la sua inconsueta azione l’uomo si augura poi che «i ragazzini irrispettosi nei confronti dei propri genitori possano imparare qualcosa». Migliaia sono i commenti a corredo della clip, altrettanti sul profilo Facebook del papà. Se in molti lodano la «lezione» impartita alla figlia, altri ne criticano duramente la condotta. «Sei un pervertito», ente, come spesso accade con certi fenomeni del web, il seguito è già scritto. Papà Tommy, tutt’altro che anti-digitalizzato (dice infatti di lavorare nel settore tecnologico), ha raccontato sul suo profilo di essersi nel frattempo riappacificato con la figlia. Lei, addirittura, sta pensando di vendere su eBay i bossoli sparati nel video. Il soldi dovrebbero servire per pagare il college.

Elmar Burchia11 febbraio 2012 | 13:36

http://www.corriere.it

Il brutto delle gambe

Storte, cellulitiche, corte o rinsecchite. Ecco le star che, nonostante ginnastica e trattamenti, farebbero meglio a evitare la minigonna

 

Gaia Passerini- 03 febbraio 2012
Alicia Keys
Alicia Keys
Cosce esplosive, caviglie gonfie e pelle effetto buccia d’arancia bene in vista per Alicia Keys (31 anni), una delle voci più calde e avvolgenti del panorama r’n’b americano. Per una passeggiata a New York insieme al figlio del compagno Kassem Deannon, non si è fatta problemi a indossare short attillati. Fin troppo coraggiosa.
Splashnews
http://www.leiweb.it

In Cina le uova sode rimbalzano. Colpa di una sostanza tossica

SHANGAI – Le autorità sanitarie di Shanghai hanno aperto una inchiesta su alcune uova alle quali, una volta bollite, si indurisce così tanto il tuorlo che riescono a rimbalzare come delle palline da tennis. Secondo lo Shanghai Daily queste «uova di gomma» hanno fatto la loro comparsa nei mercati in diverse province cinesi nelle scorse settimane.

Gommose. Probabilmente, secondo quanto si legge sulla rete, le uova sono state fatte artificialmente da qualcuno, anche se esperti dicono che le uova potrebbero essere naturali. La caratteristica elastica sarebbe data a un componente, il gossipolo, una sostanza tossica che si trova nei residui del cotone.

Il gossipolo. Alcuni allevatori avrebbero aggiunto il gossipolo al mangime dei polli perché contiene un alto valore proteico. Una volta nel mangime, il gossipolo si lega al tuorlo dell’uovo. La sostanza è già nota per essere uno spermicida, testato proprio come anticoncezionale maschile in alcuni paesi.

Il Messaggero

Vacanza ai Caraibi nella villa di Bruce Willis? 19 mila euro a notte

La villa di Brice Willis ai Caraibi sull'isola di Parrot Cay

ROMA – Una vacanza da favola, a casa di Bruce Willis, sorseggiando rum in compagnia della vicina Danna Karan, stilista. Non è un sogno ma la possibilità di affittare la villa del protagonista di Die hard che forse ha qualche problema di liquidità e offre la sua stupenda villa a 24mila dollari per notte, cioè circa 19mila euro, come racconta Novella 2000 in edicola

Spiaggia e piscina privata. La villa dell’attore si trova sull’isola di Parrot kay, una delle isole dell’arcipelago corallino di Turks e Caicos che si trova nell’oceano Atlantico, nei Caraibi. La villa è immersa nel verde, con una spiaggia e piscina privata, naturalmente soggiorno, cinque camere da letto nel corpo principale e tre guest house per ospitare gli amici.

Rum, birra e pesce fresco. Se non si bada alla spesa per l’affitto della villa, sono assicurati anche pasti della cucina creola, un misto tra quella inglese, spagnola e indiana con piatti soprattutto a base di crostacei e pesce fresco accompagnati da riso o fagioli. E sulla tavola frutta e succhi, birra e il rum.

Venerdì 10 Febbraio 2012 – 20:03    Ultimo aggiornamento: Sabato 11 Febbraio – 11:52
Il Messaggero

Lui le dice: ”alzati e vattene, devo farlo con un’altra”. Lei lo strangola!

Una storia unica quanto tragica e triste quella che coinvolge questa coppia ormai divorziata; la protagonista della storia prende il nome di Marian Searchwell, una cinquantaseienne di Vero Beach, in Florida.

La donna, stava riposando sul letto quando il suo ex marito l’ha cacciata dalla stanza perchè doveva stare con un’altra.
La reazione di Marian, però, non è stata delle migliori, visto che gli ha infilato le mani attorno al collo cercando di strangolarlo con forza.
Fortunatamente l’uomo non ha subito forti lesioni, mentre la sua compagna, ovvero quella che voleva portare a letto, è stata ferita dalla stessa Marian sul braccio, visto che gli ha lanciato dei pugni molto violenti.
Alla fine, si è scoperto però che la donna, nonostante vivesse ancora con il marito, fosse divorziata già da parecchio tempo, e per questo ora dovrà rispondere della sua brusca reazione in tribunale, rischiando l’arresto o il pagamento di una cauzione.
Pubblicato il 11.2.12
http://www.notizie-sconvolgenti.com/

Facebook chiuderà i battenti il 15 Marzo 2012

Mark Zuckerberg ha annunciato che Facebook chiuderà nel marzo del 2012. La gestione del sito è diventata troppo stressante.
“Facebook ha ottenuto cifre fuori controllo”, ha detto Zuckerberg in una conferenza stampa fuori dal suo ufficio di Palo Alto, “e lo stress di gestire questa azienda ha rovinato la mia vita. Ho bisogno di porre fine a tutta questa follia. “
Zuckerberg ha continuato a spiegare che a partire dal 15 marzo del prossimo anno, gli utenti non saranno più in grado di accedere ai propri account Facebook.
“Dopo il 15 marzo 2012 l’intero sito si spegne”, ha detto Avrat Humarthi, Vice Presidente degli Affari tecnici su Facebook. “Quindi, se vi capitasse di voler vedere le vostre foto ancora una volta, vi consiglio di prenderli da internet. Non sarà in grado di farli tornare quando Facebook uscirà dal business. ”
Zuckerberg ha detto che la decisione di chiudere Facebook era difficile, ma che non crede che la gente sarà sconvolta.
“Io personalmente non credo che sia un grosso problema”, ha detto in un’intervista telefonica privata. “E ad essere onesti, penso che sia meglio. Senza Facebook, la gente dovrà andare fuori e fare nuove amicizie reali. Questa è sempre una buona cosa. ”
Alcuni utenti di Facebook erano furiosi dopo aver sentito la notizia scioccante.
“Che cosa farò senza Facebook?”, Ha detto Denise Bradshaw, uno studente del liceo dell’Indiana. “La mia vita ruota intorno ad esso. Sono su Facebook, almeno 10 ore al giorno. Ora che cosa farò con tutto quel tempo libero? “
Tuttavia, i genitori in tutto il paese hanno sperimentato un senso di sollievo a lungo atteso.
“Sono contento di Facebook l’incubo è finito”, ha detto Jon Guttari, un genitore solo di Detroit. “Ora il volto di mio figlio adolescente non saranno incollati ad uno schermo del computer tutto il giorno. Forse posso anche avere una conversazione con lei. ”
Coloro che nel settore finanziario stanno criticando Zuckerberg per allontanarsi da un’azienda di miliardi di dollari. Facebook è attualmente classificato come una delle più ricche aziende del mondo, con gli economisti che stimano il suo valore a circa 7,9 miliardi di euro.
Ma Zuckerberg rimane imperturbabile da queste accuse. Ha detto che resterà sulla sua decisione di dare l’addio Facebook.
“Non mi importa dei soldi”, ha detto Zuckerberg. “Voglio solo la mia vecchia vita.”
La Corporation Facebook suggerisce agli utenti di rimuovere tutti i loro dati personali sul sito entro il 15 marzo 2012. Dopo tale data, tutte le foto, note, link e video saranno cancellati definitivamente.

 

 

.

http://www.newsalfemminile.it/

 

Incredibile: … ragazza con due organi genitali

Ed ecco una delle notizie davvero più strambe che abbiate mai sentito: In Inghilterra esiste una ragazza con due vagine. Si, avete capito bene. Si tratta della 27enne Hazel Jones, la quale qualche settimana fa ha raccontato in diretta tv la sua condizione medica. Subito è arrivata la proposta da parte della Vivid Entertainment per essere protagonista di un film hard. Il compenso? 1 milione di dollari. La ragazza pur non sentendosi imbarazzata o offesa dalla proposta e dalla sua particolare condizione, non ha voluto accettare la ricca offerta.L’“anomalia” di cui soffre Hazel, l’uterus didelphys, è rara ma neppure troppo: infatti, sarebbero circa lo 0,3% delle donne ad essere in questa condizione.

http://www.newsalfemminile.it

Le modelle fanno fronte: a New York nasce il sindacato

 

 

 

Modelle a New York
di Flavio Pompetti

NEW YORK – Tutti gli occhi sono puntati sulle modelle, come è giusto aspettarsi nel primo giorno della Fashion week newyorkese, uno degli appuntamenti più importanti del calendario internazionale della moda. La novità è che invece di cadere su décolleté e portamento in passerella, lo sguardo sarà rivolto per la prima volta con una certa serietà ad altri indici fisiologici, che mostrino rispetto per la professione e per la salute delle giovani donne che la animano.

Innanzitutto l’età: a dispetto del tacito accordo tra i disegnatori che dovrebbe bandire l’accesso alle minori di sedici anni, gli agenti continuano a spingere sul palco l’immagine di una bellezza giovanile ai confini dell’adolescenza, che troppo spesso sconfina verso quest’ultima anche in termini di anagrafe. E poi l’umiliazione dei camerini aperti, le molestie sessuali, le richieste di alterare il corpo con il bisturi che devono subire queste donne bambine, spesso lontane dai paesi d’origine, dalle famiglie e dalle condizioni sociali da cui provengono. «Di Gisele ce n’è solo una – dice la ventinovenne Sara Ziff, veterana della passerella con 15 stagioni già alle spalle – Dietro di lei c’è un esercito di lavoratrici bambine in un mondo maledettamente adulto».

La Ziff ha lanciato l’idea di un sindacato specifico per le modelle: il Model Alliance, che nasce con il supporto del Council of Fashion Designers of America e della sua presidentessa Diane von Fustenberg. Le due associazioni hanno dettato un nuovo codice di comportamento per le sfilate newyorkesi iniziate ieri, che comprende il controllo rigido del compimento dei sedici anni per accedere alla passerella, il divieto di alcool e tabacco nel backstage, e la presenza di educatori dell’alimentazione per chi mostra segni di disordini alimentari.

Non sarà facile controllarne l’applicazione. La settimana della moda della Grande Mela è cresciuta quest’anno per abbracciare le sfilate di 328 disegnatori, sparsi in ogni angolo della città. Profughi dalla passerella del Bryant Park dove i costi erano diventati proibitivi, gli atelier ora affollano i padiglioni del Lincoln Center (90 espositori) e i cavernosi ambienti del vecchio distretto dei macelli nel lower West side (Milk Studios, altri 40 shows). Tappeti e piattaforme sono stati installati nei grandi alberghi, in alcune gallerie d’arte e persino in una ex sinagoga del lower East.

Si sfila sul giaccio della pista da pattinaggio di Central Park, e all’interno del mercato azionario del Nasdaq. La città di New York che è poco abituata a un evento dominante come questo, si è bloccata mercoledì sera per l’arrivo delle Dame in rosso, party in favore della ricerca sull’Aids, e dell’apparizione contemporanea di Lindsay Lohan (festa di Nine West), Beyoncé (Tory Burch), Bono (Edun), Christina Ricci (Alexander Wang). Victoria Beckham con la piccola Harper in braccio pare avere già i contratti in tasca per gli abiti che Cameron Diaz, Gwyneth Paltrow e Charlize Theron indosseranno la notte degli Oscar.

Giovedì 09 Febbraio 2012 – 21:43    Ultimo aggiornamento: Venerdì 10 Febbraio – 14:30
Il Messaggero

Bocciato all’esame della patente per la 92esima volta

10 FEBBRAIO 2012

Un 28enne di Leicester City è stato bocciato per la 92esima volta all’esame della patente: probabilmente un record, soprattutto considerata la giovane età del ragazzo, che dovrebbe avere tentato senza successo l’esame una decina di volte l’anno per gli ultimi dieci anni.

patente_thumb

Il fatto è che il ragazzo non ha ancora mai neppure tentato l’esame di pratica: infatti, tutte e 92 le volte è stato bocciato all’esame di teoria. È vero all’esame di teoria che c’è anche chi è riuscito a non passare il test del palloncino, ma si tratta comunque di un poco invidiabile record.

Il giovane ha finora speso circa 4.000 euro per le sole tasse di iscrizione all’esame di guida, ma non intende rinunciare, ed ha garantito che tenterà ancora.

 

http://notizie.delmondo.info/

Go to Top